Mastoplastica additiva con tecnica dual plane

Nell’intervento di mastoplastica additiva, la scelta del posizionamento delle protesi viene fatta normalmente fra il piano sottoghiandolare e quello sottomuscolare parziale (profondamente al muscolo grande pettorale) o totale (profondamente anche al muscolo dentato).

Ognuna di queste localizzazioni possiede indicazioni e controindicazioni specifiche. Mammelle ptosiche (cadenti) o con un polo inferiore costretto non possono essere trattate efficacemente con una sola delle tecniche ricordate sopra.

La tecnica dual plane è stata descritta per associare i vantaggi del posizionamento sottoghiandolare a quello sottomuscolare, limitando i rischi e le complicanze delle due tecniche utilizzate singolarmente, dato che il posizionamento solo sottoghiandolare o solo sottomuscolare può non trattare correttamente le diverse variazioni anatomiche ed i rapporti dinamici fra protesi e tessuti di rivestimento.

Nell’intervento di mastoplastica additiva denominato dual plane, la protesi è situata parzialmente dietro il pettorale e parzialmente dietro la ghiandola mammaria, cioè in due diversi piani contemporaneamente. Questa tecnica prevede la sezione di alcuni fasci del muscolo pettorale in modo da alterare la dinamica impianto – tessuti molli e la dissezione anche fra ghiandola mammaria e muscolo, tale da permettere uno scivolamento fra i due tessuti.

Le misurazioni preoperatorie vengono fatte come di consueto, così come la valutazione dei tessuti.

La mastoplastica additiva dual plane viene classificata in tre tipi, di seguito specificati:

. tipo I: sezione delle inserzioni muscolari ma senza dissezione fra ghiandola e muscolo

. tipo II: sezione delle inserzioni muscolari e dissezione fra ghiandola e muscolo fino al limite inferiore dell’areola

. tipo III: sezione delle inserzioni muscolari e dissezione fra ghiandola e muscolo fino al limite superiore dell’areola.

Il tipo I viene utilizzato per la maggior parte delle mammelle giovanili, tipicamente in donne nullipare.

Il tipo II viene proposto per mammelle lievemente ptosiche (cadenti) e che presentano maggiore mobilità rispetto al muscolo sottostante.

Il tipo III si utilizza, invece, nelle mammelle ptosiche, che presentano grande mobilità sul grande pettorale e hanno una maggiore distanza fra l’areola ed il solco sottomammario. E’, inoltre, fortemente consigliata nei casi di costrizione del polo inferiore, in caso di seno tuberoso o di altre maldistribuzioni del tessuto mammario.

La mastoplastica additiva dual plane è stata concepita per migliorare i rapporti fra le protesi ed i tessuti (ghiandolare e muscolare) che le coprono. Questa tecnica permette di ottimizzare i risultati sfruttando i punti forti dei singoli interventi, riducendo nel contempo le potenziali complicanze.

La dissezione fra ghiandola e muscolo permette, infatti, di ottenere un doppio piano di copertura (in alto muscolare, in basso ghiandolare), migliorando i rapporti dinamici fra protesi e tessuti di rivestimento. La ghiandola, avendo meno aderenze col muscolo, è libera di scivolare più in basso a rivestire la protesi, limitando il rischio del cosiddetto doppio profilo, il “double – bubble” degli anglosassoni.

Dottor Giovanni Brunelli

Specialista in Chirurgia

Plastica Ricostruttiva ed Estetica

Via Guido Zadei, 64

25123 Brescia

 

Tel. 030.390790

Cell. 335.294713

Mail: info@giovannibrunelli.it

 

Orari d'apertura: su appuntamento.

Earfold, correzione miniinvasiva ambulatoriale per le orecchie a ventola
Nuova sede di lavoro a Desenzano del Garda
Nuova sede di lavoro a Mantova

Vuoi iscriverti alla newsletter?

Compila il modulo qui sotto per essere informato sulle novità!

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dottor Giovanni Brunelli Via Guido Zadei 64 25123 Brescia

Chiama

E-mail

Come arrivare